I migliori fashion blog italiani

Blog_widget_2

Per completare la classifica dei top 10 blog italiani, la nostra redazione ha passato in rassegna ed ha analizzato oltre duecento blog.

Abbiamo assunto che un blog sia, come cita Wikipedia, “un sito web, generalmente gestito da una persona o da un ente, in cui l’autore (il blogger) pubblica più o meno periodicamente, come in una sorta di diario online, i propri pensieri, opinioni, riflessioni, considerazioni ed altro, assieme eventualmente ad altre tipologie di materiale elettronico come immagini o video. Il nome blog deriva dalla contrazione di web e log, ovvero “diario in rete”. Attraverso i blog, la possibilità di pubblicare documenti sul World Wide Web si è evoluta da privilegio di pochi (editori, università e centri di ricerca) a diritto di tutti (i blogger, appunto).”

Abbiamo dunque escluso dalla classifica, tutti i blog che si autodefiniscono tali ma che evidentemente non lo sono. In particolare abbiamo escluso:

  1. testate giornalistiche
  2. testate giornalistiche mascherate da blog
  3. blog che contano su redazioni ampie o un ampio numero di collaboratori (il blog è gestito da una sola persona, abbiamo incluso chi si avvale, al massimo, di un solo collaboratore)
  4. blog che raccolgono pubblicità tramite concessionarie pubblicitarie (perchè è evidente che le concessionarie non lavorano per blogger puri, le concessionarie lavorano solo con testate consolidate)
  5. blog non riconducibili ad un solo individuo, ma a progetti editoriali più ampi e istituzionali
  6. blog gestiti da anonimi
  7. blog di giornalisti professionisti o di direttori di riviste patinate, che scrivono già per grossi gruppi editoriali e che per questo godono del traino di uffici stampa, di redazionali sulla carta stampata o che sono ospitati presso i siti delle testate per cui già scrivono o ne sono i direttori
  8. blog che hanno già fatto il salto di qualità e che, pur essendo partiti dall’anonimato, si sono guadagnati notorietà a tal punto da essere assorbiti da testate già consolidate (con collaborazioni remunerate)
  9. blog ospitati da siti di gruppi editoriali
  10. wiki: un wiki è un sito che permette la creazione di contenuti da parte di utenti multipli (ad esempio Wikipedia è un enciclopedia fatta da chiunque voglia contribuire).

Siamo perciò rimasti nell’ambito dei blog che hanno deciso di mantenere la loro indipendenza, di restare autentici e liberi.

Con riferimento alle varie tipologie di blog non abbiamo applicato alcuna restrizione: c’è la studentessa, il retailer, l’appassionato di stile, l’appassionato di vintage, ci sono gli outfit blog, i blog dall’inclinazione più intellettuale, ecc ecc.

TOP 10 ITALIAN FASHION BLOG

Fashion_blog_classifica

Fonte: Les Cahiers Fashion Marketing

Tra i blog presi in considerazione (oltre duecento), i primi dieci blog in classifica risultano essere outfit blog.

Non abbiamo valutato la qualità, abbiamo valutato i numeri. I primi dieci blog in classifica sono quelli che ottengono i migliori risultati in termini di audience e visibilità. Abbiamo fatto questo lavoro per il nostro lettore che si presume sia un marketing manager della moda e che voglia sapere esattamente quali sono i blog più popolari, quelli su cui conviene investire. Dunque non si pensi che questi siano i 10 blog migliori in termini di qualità. Sono i blog (puri blog) più seguiti e cliccati in Rete.

Primo blog in classifica, con un netto distacco rispetto al secondo, The Blonde Salad di Chiara Ferragni.

 

Non ci stupisce che un po’ ovunque si sia preso ad ignorare il suo sito, stilando classifiche surrettizie e parziali in cui The Fashion Salad non appare neanche: il blog di Chiara Ferragni fa numeri da paura ed è diventato un potenziale concorrente dell’editoria tradizionale (ovviamente solo sul segmento Internet-blog-outfit). D’altra parte, The Blonde Salad produce business. È utilizzato dalle aziende di moda per fare product placement. La visibilità dei vari prodotti è infatti molto ampia. Per le aziende di moda è un mezzo su cui investire.

Chiara Ferragni è stata abilissima ad inventarsi un business nel momento giusto. È riuscita a cavalcare il fenomeno con grande anticipo rispetto a tutti gli altri e continua ad avere molto successo. Molto approfondita la sua conoscenza della Rete, dei social media, dello spirito degli internauti, dei fashion victim a cui dedica il suo blog. Onore al merito.

Nessun articolo, nessuna redazione da pagare, nessuna pretesa di cultura, niente di niente. The Blonde Salad non si pone nemmeno il problema di offrire contenuti di alcun tipo. Il blog è a disposizione delle aziende e la più nota arciblogger italiana ci mette la sua faccia e il suo corpo. Un outfit blog è proprio questo.

Pur con i dovuti distinguo, tutti i blog che seguono in classifica sono più o meno cloni di The Blonde Salad: sono tutti outfit blog (evidentemente sono quelli che interessano maggiormente gli utenti Internet).

La classifica contenuta in questo articolo ha validità un mese. Scadrà pertanto a fine dicembre. Provvederemo ad aggiornarla puntualmente.

Shares