TOP FASHION BLOG INDIPENDENTI/ITALIA – MARZO 2015

Ecco qui di seguito la classifica dei top fashion blog indipendenti di marzo 2015 secondo Les Cahiers FM.

Se non trovi il tuo blogger preferito puoi cercarlo nella sezione degli Influencer (gli over the top li abbiamo spostati lì), altrimenti può darsi che non rientri in questa classifica per i parametri che abbiamo adottato.

Per conoscere i criteri con cui è viene costruita la classifica leggi le nostre FAQ.

La stessa classifica è consultabile nel “Motore delle classifiche” all’interno dell’Osservatorio (Osservatorio –> Classifiche –> Classifica Fashion Blog Italia).

Il motore delle classifiche è una sezione dinamica che ti permette di:

1) utilizzare un sistema di filtri per ricercare più facilmente alcune categorie di blog

2) consultare le informazioni relative a ciascun blogger (laddove disponibili).

Per segnalare il tuo blog clicca qui.

ATTENZIONE: Se vuoi condividere o pubblicare il link di questa classifica, ti suggeriamo di prendere il permalink di questa pagina e non della pagina dell’Osservatorio. La pagina dell’Osservatorio infatti verrà aggiornata alla pubblicazione di ogni nuova classifica, la pagina che stai leggendo sarà invece sempre disponibile sul nostro sito.

1 – The Chilicool by Alessia Milanese (2628000 pt)

2 – My Fantabulous World by Elisa Taviti (1735000 pt)

3 – Imperfect I by Angela Pavese (1675500 pt)

4 – Nameless Fashion Blog by Elisa Zanetti (1668200 pt)

5 – ELEONORA PETRELLA – Live What You Love by Eleonora Petrella (1623500 pt)

6 – Theladycracy by Elisa Bellino (1562500 pt)

7 – The Cutielicious by Federica di Nardo (1455000 pt)

8 – Baby What’s Up by Alice Cerea (1359300 pt)

9 – Wildflower Girl by Fabiola Tinelli (1344000 pt)

10 – La Ragazza Dai Capelli Rossi by Federica Cimetti (1315000 pt)

11 – 2 Fashion Sisters by Cristina & Chiara Lodi (1307000 pt)

12 – Noemi Guerriero by Noemi Guerriero (1273100 pt)

13 – Truccati con Eva by Eva (1250800 pt)

14 – The Gummy Sweet by Elisa Bersani (1246300 pt)

15 – La Pinella by Alessia Marcuzzi (1190400 pt)

16 – Inside Me by Annalisa Masella (1176000 pt)

17 – Eniwhere Fashion by Eni K. (1165100 pt)

18 – Lo Stile Di Artemide by Donatella Gaeta (1155100 pt)

19 – My Urban Bon Ton by Valeria Zasa (1145000 pt)

20 – Patchwork a’ Porter by Sabrina Tassini (1142400 pt)

21 – The Black Beard by Salvatore Impellizzeri (1141000 pt)

22 – Venus at Her mirror by Mariagrazia Ceraso (1135000 pt)

23 – Diario Di Una Snob by Marta Zura-Puntaroni (1107000 pt) SITO STELLATO ***

24 – Dolores Amabile by Dolores Amabile (1105000 pt)

25 – Lidia’s Bag by Lidia Nicolis (1101400 pt)

26 – Becoming Trendy by Mia Di Domenico (1062000 pt)

27 – The AnarChic by Valentina Astorino – Eva Sabin (1052000 pt)

28 – De Ornatu Mulierum by Hermosa aka Elena Colasante (1049000 pt)

29 – Very Berry Bee by Beatrice Cadario (1044000 pt)

30 – Pink Bubbles by Martina Favaro (1032000 pt)

31 – Le Freaks by Federica Orlandi (1026000 pt)

ex-aequo – My Wish Style by Nicky (1026000 pt)

32 – Stylosophique by Iris Tunin (1022000 pt)

33 – Marie Zamboli by Marie Zamboli (1019000 pt)

34 – Angelichic by Angelica Alberti (1014000 pt)

35 – Kaleidoscopic Mirror by Eleonora Branca (1008000 pt)

ex-aequo – Guy Overboard by Riccardo Onorato (1008000 pt)

36 – La vie c’est chic by Marika Odoardi (1007000 pt)

37 – Pfg Style by Patrizia Finucci Gallo (1004000 pt)

38 – The Spiral D by Diana De Lorenzi (996000 pt)

39 – Nelsilicious by Antonella Iavazzo (992000 pt)

40 – The Cihc by Greta (987000 pt)

41 – Melissa Satta by Melissa Satta (980000 pt)

42 – Verdementa by Alessandra Castagner (972000 pt)

43 – Fregole by Daniela Zuccotti (965000 pt) SITO STELLATO ***

44 – #Thefashiontwice by Rossella Padolino (956000 pt)

45 – The Fashion Mama’s by Giulia Bruni (931000 pt)

ex-aequo – Affashionate by Elena Barolo (931000 pt)

46 – Therese Salemi Fashion Blog by Therese Salemi (917000 pt)

47 – Dress Up For Armageddon by Flaviana Boni (913000 pt)

48 – Vanilla and Soap by Federica Romani (901000 pt)

49 – Gomitolo Blu by Eleonora Pellegri (885000 pt)

50 – Tutte Pazze Per i Bijoux by Maria Elena Capelli (882000 pt)

51 – The Ladyboy by Enrie Scielzo (866000 pt) SITO STELLATO ***

52 – Il Blog del Marchese by Antonio M.A. Raffaelli (845000 pt)

53 – The Fashionamy Blog by Amanda Marzolini (841000 pt)

54 – The Fashion Fad by Mary Limatola (837000 pt)

55 – Planetfil by Filippa Lagerback (835000 pt)

56 – Fru Fru Princess by Dorothy Scarpelli (804000 pt)

***
I siti stellati di marzo 2015 sono:

1) Diario di Una Snob, per l’ironia, la leggerezza e la spensieratezza che offre; per la sincerità e l’eleganza con cui Marta gestisce le relazioni con le aziende. Un blog che riesce ad accontentare tutti, anche i brand a cui con garbo dice di no.

2) Fregole, per l’altissima qualità di contenuti e per il taglio editoriale che caratterizza il blog; per la classe e la grazia di Daniela, un esempio di “stile” per tutti.

3) The Ladyboy, per la sincerità audace di Enrie, per il coraggio di portare avanti un’idea originale  e unica, perchè condividiamo con lui l’idea di una moda senza confini.

  • benedetta

    Una classifica molto discutibile! Mi sembrano siano stati esclusi tutti i blog più famosi a favore di quelli che passano il tempo a scambiarsi commenti ed hanno pochi seguiaci (veri e non fake) sui social. Complimenti vivissimi

    • Pensa un po’. Noi crediamo di aver fatto l’esatto contrario.

      • Sophia Salaroli

        Cara Benedetta, hai centrato il punto. Non ti crucciare, non è questa classifica a determinare il successo delle blogger italiane. Fidati. Un bacione

  • Una Snob

    <3

  • Abbiamo risolto due bug: uno non aggiornava i dati della scheda di De Ornatu Mulierum e l’altro limitava la pubblicazione dei blog a 50. Siamo invece saliti a 56. Tutto risolto.

  • Anna

    Io ho segnalato milioni di volte il mio blog e non ho mai ricevuto alcuna risposta oltre a non essere mai stata inserita…non mi pare sinceramente che manchi qualcosa…che dire grazie lo stesso per la “disponibilità”.
    Anna
    http://www.justfashionable.com

    • elisabetta bertolini

      INFATTI ANNA NON TI MANCA NIENTE… E NON FARTI MAI QUESTO PUNTO DI DOMANDA… TU HAI TUTTO QUELLO CHE TI SERVE PER ESSERE QUELLO CHE SEI OVVERO UNA GRANDE DONNA ED UNA GRANDE FASHION INFLUENCER…

      • Anna Colucci

        Grazie Elisabetta! Mi fa piacere che il mio lavoro arrivi a voi colleghe, alle aziende con cui collaboro da quasi due anni e alla gente comune <3 profonda stima per tutte voi!!!

  • Coco

    Gentile redazione,
    sono Valeria di Coco et La vie en rose (www.cocoetlavieenrose.com).
    Ricordate? Not a fake, not a flog, codice di lavoro?
    Secondo i redattori della classifica tutti i blog ivi inclusi si attengono ad un codice etico?
    Una prostituta di professione e una nota spammer tra le prime dieci?
    Una blogger che denigra le altre colleghe e non si astiene da volgarità di ogni tipo?
    Un blog composto da recensioni copia-incolla senza mezza foto nè una riga di contenuto di sua proprietà?
    Non serve che vi porti le prove di quanto sopra, poichè sapete già di chi sto parlando e di cosa sto parlando, come lo sa tutta l’Italia.
    Per lo meno astenetevi dal moralizzare sui blog “all’Amatriciana”, dato che la vostra è una classifica “all’Amatriciana”.
    Mi scuso se con queste parole ho offeso stimate e stimati blogger in classifica che non hanno nulla a che vedere con i personaggi sopra descritti.
    Un saluto,
    Valeria

    • Non ci risulta che tu faccia parte del progetto This is not a fake – This is not a flog. E se lo sei stata, e ne sei uscita, una ragione ci sarà stata. Quella è una sezione in cui possono rientrare blogger che aderiscono a un codice etico e che si comportano con trasparente correttezza. Altra cosa è la classifica, in cui segnaliamo i blogger che rientrano in una serie di parametri da noi analizzati (non è necessario essere i più seguiti, non è necessario essere i più belli, ecc ecc ma rispondere a un mix di variabili che per noi sono imprescindibili per giudicare un blog un buon blog). Quanto alle offese che rivolgi ad altre blogger, non sappiamo nemmeno a chi, ci sembra che attengano più alla sfera del moralismo becero e distruttivo che all’etica a cui fai invece riferimento. Quanto alle offese che fai a noi e alla nostra classifica, bè ci spiace, ma capiamo di non poter piacere a tutti.

      • Coco

        Sono uscita dal progetto proprio perchè non ne vedevo la coerenza. Quindi mi state dicendo che promuovete un codice etico che però non tenete in considerazione nello stilare la classifica? Che lo spamming selvaggio non è un criterio discriminante? Dandomi della moralista confermate di sapere di cosa e chi sto parlando. D’altra parte non tollero la presenza in classifica di una escort per i seguenti motivi:
        – competere con una “senza veli” non è fair play
        – un ente autorevole come il vostro sta premiando una persona che svolge un’attività illegale (dura lex sed lex)
        Ferma nelle mie convinzioni, lascio a voi l’ultima parola, dato che siete bravi oratori che mal tollerano il dissenso pubblico.

        • A noi non piace che sul nostro sito una donna dia della “prostituta” ad un altra donna e non pubblicheremo ogni ulteriore commento su questo argomento. Detto questo, visto che in questo suo secondo commento parla esplicitamente di una “escort che compete senza veli e che svolge un’attività illegale”, e a noi non risulta aver inserito escort senza veli, può scriverci in privato, se ne ha la pazienza, per farci comprendere cosa sta succedendo?

  • Buonasera, con tanto rammarico mi trovo costretta ad intervenire anche io in merito a TUTTE le questioni che ha sollevato Valeria.
    In primis è deludente che dopo oltre un anno e mezzo di presenza fissa ai primi posti, vengo esclusa senza motivazioni esplicite, alle quali nemmeno voi avete saputo rispondere quando ho chiesto spiegazioni già la volta scorsa.
    Secondariamente ci spiegate una volta per tutte quali sarebbero queste presunte “serie di parametri da noi analizzati?”… Nello specifico fateci capire se rientrano anche e soprattutto le recensioni sui forum di ESCORT …dal momento che …per voi è “moralismo becero e distruttivo” …per noi persone serie e pulite, tutto ciò è una vergogna che prescinde il marketing, il blogging e via dicendo.
    Pamela Soluri
    http://tr3ndygirl.com

    • Escort? Ci potete far capire qualcosa?

      • Ma chiedo scusa: avete pieno controllo dei dati di noi tutte…come fate, prima di stilare le classifiche, a farvi sfuggire backlinks e keywords comparse (tra le altre cose) anche su alexa…oltre al fatto che il web è pieno di interviste e articoli in merito alla questione.
        Mi avete fatto scendere la febbre di colpo oggi, meglio della tachipirina 😉 se fino a domani non è ancora chiaro, vi chiamerò personalmente
        Pamela Soluri

        • Cara Pamela, qui si analizzano manualmente oltre duemila blog. Certo, su quelli che non hanno rank si va veloce, ma il controllo viene fatto ogni volta su tutti perchè da un mese all’altro le cose potrebbero variare di molto. Abbiamo semi-automatizzato le analisi, ma il grosso del lavoro è ancora manuale. Comunque, per risponderti, analizzare i contenuti e i significati di tutte le keywords non è rilevante per le analisi che facciamo. Lo facciamo solo quando è necessario approfondire alcune indagini.

  • elisabetta bertolini

    Ragazze ho letto solo i due ultimi commenti e mi viene solo da dire una cosa. Voi sapete quanto valete, sapete di essere tra le migliori, e non è questa fuffa classifica che dimostrerà che non lo siete. Ci sono nomi che sono statati inseriti perché la scorsa classifica aveva scatenato un putiferio. E io stessa, che so quanto valgo dico che sono molto contenta per tante mie colleghe che leggo scritte qua sopra e a cui voglio molto bene, ma veramente penso che commentare qui sotto (come io stessa sto facendo) serva solo per dare adito a questa redazione di prendersi gioco di noi. E’ inutile farsi il dente avvelenato per questo genere di problemi sopratutto perché voi avete veramente un grande seguito e siete apprezzatissime. Quindi questa è l’ultima cosa che mi sento di dire e di dire con il cuore. Ignorate questa classifica di buffonate. Il silenzio è il modo migliore per far capire quanto non ve ne frega niente e non ve ne deve fregare MAI nulla.

  • cristiane

    http://www.fashionmommy.info
    Aspetto una risposta da voi, è da tanto che vi segnalo il mio blog.

  • Allora ragazze, un conto è farci credere di aver inserito, tra i fashion blog, il blog di una escort che promuove la sua attività di escort, e un conto è “fare muro” contro qualcuno che non ci piace. Abbiamo fatto tutte le verifiche, siamo andati alla ricerca di un nostro eventuale errore, nel qual caso avremmo rettificato immediatamente, com’è nostra abitudine. Ma non c’è errore. Abbiamo recensito solo fashion blog. Nel frattempo abbiamo anche ricevuto in privato tutte le informazioni che ci mancavano riguardo alla blogger in questione e abbiamo preso la seguente decisione: non rettifichiamo. La blogger resta in classifica perchè oggi è una fashion blogger. Noi non solo non indaghiamo il passato delle blogger ma non lo giudichiamo nemmeno. Ognuno nella sua vita è libero di fare le scelte che vuole, noi non ci ergiamo a giudici moralizzatori di nessuno. Questo è un luogo in cui si recensiscono fashion blog e questo abbiamo fatto. Oggi la fashion blogger a cui fate riferimento fa la fashion blogger e viene peraltro recensita da altri siti e riviste in qualità di fashion blogger.

    • Salve Redazione, ci tengo a precisare alcuni punti:
      Che ognuno della propria vita ne possa fare ciò che ritiene più giusto è scontato e sacrosanto ma difronte a certe scelte lo sono anche le reazioni di chi come me è passata dall’ammirazione alla disistima e le ha espresse senza ipocrisie (in pubblico) rispetto invece a chi si è scandalizzata alle spalle commentando con frasi oscene.
      Nessun muro, nessuno scopo (almeno da parte mia) se non quello appunto di capire fino in fondo ed ho capito solo una cosa.. i pettegolezzi si sprecano dietro, in chat, su facebook e poi come se nulla fosse si indossa la migliore maschera e si va sul blog in questione a commentare con carinerie (false) varie, e sono le stesse persone che un attimo prima avevano disprezzato volgarmente.
      Non a caso vorrei ricordare a tutte la bufera che è stata scatenata contro di me quando ero 2° in classifica.
      Questo per chiarire una volta per tutte che il mio è stato un parere personale sulla base della mia concezione personale e che non appartengo a nessun gruppetto di comari di cui sopra.

      Questa classifica l’ho sempre sostenuta e osannata, ci ho sempre visto un’opportunità in più, non l’ho mai nascosto, ho sempre saltellato di gioia nell’ esserci e dispiaciuta nel non esserci
      ma come ho detto anche a voi via mail, ci vuole un tantino più di coerenza per il bene di tutte, anche di chi fa finta di non esserne interessata.
      Buon Lavoro a tutti
      Pamela Soluri
      http://tr3ndygirl.com

  • Valentina

    Eh no ma il noem della tipa lo vogliamo sapere eh!!!

    • Questo è l’ultimo commento che pubblichiamo sull’argomento, non saranno pubblicati ulteriori commenta sul tema. Ora cambiamo pagina e discutiamo di altro. Qui in Redazione difendiamo la dignità delle donne e, come ben sapete, la dignità delle blogger.

  • Fabio Catelan

    Mi permetto di inserirmi nella discussione come persona che lavora con il mondo della moda da circa venti anni e da tempi non sospetti profondo sostenitore delle potenzialità dei fashion blog. Ho sempre apprezzato l’approccio serio e professionale di Les Cahiers verso i fenomeno fashion blog e ho molto apprezzato il coraggio della scelta di creare un algoritmo proprio che tenesse conto, oltre che dei dati di Alexa, anche di parametri qualitativi ed estetici, aspetti dei quali non ritengo si possa prescindere parlando di fashion. Purtroppo il dibattito che si sviluppa dopo ogni pubblicazione della classifica, e in questo si stanno raggiungendo dei vertici grazie soprattutto a figure che invece di prendere spunto dai blog correttamete evidenziati dalla classifica, si stupiscono della loro assenza contestandola. Da amante della moda e del bello mi stupisco di tali stupori. La bassezza di questi dibattiti e la critica a corrente alternata fatta alla classifica, in funzione della propria salita o discesa nella stessa, poi non fa che danneggiare la credibilità della categoria che già a priori deve superare una serie di pregiudizi da parte di una consistente fetta della potenziale utenza e la indebolisce come potere contrattuale anche nel caso dei blog più meritevoli: da sostenitore dei fashion blog sono stufo di sentire dire a persone del settore frasi tipo ” Ma non pagherai mica una fashion blogger per un progetto! Basta dargli uno o due capi! Cosa vuoi che pretendano!”.
    Detto ciò vorrei fare i miei complimenti alla redazione di Les Cahiers per la pazienza e la professionalità con cui risponde a tutte le critiche, anche quelle più acide e denigratorie del loro lavoro.

    • Grazie mille. Lei ha centrato il punto: il dibattito che segue ad ogni pubblicazione è sempre lo stesso ed è sempre strumentale. Se c’è una cosa che abbiamo compreso a fondo in questi anni è che chi lascia un commento ha sempre un buon motivo per farlo. In particolare, i commenti alle nostre classifiche sono sempre gli stessi. Possiamo catalogarli. C’è il gruppo di pseudo esperti di seo che contesta i criteri parlando di alexa come se fosse usato solo da un gruppo di cinesi, e finge di ignorare che sia lo strumento più utilizzato al mondo da tutti i webmaster (anche wordpress, nella pagina seo, ha un campo per l’id di Alexa, per intenderci, e wordpress è la piattaforma più utilizzata al mondo proprio dai blogger), c’è una triade di blogger che si promuove sempre in gruppo e che cerca di dirottare il pubblico sulla propria classifica, in cui ai primi tre posti, a turno, ci sono sempre loro, c’è chi è deluso per l’esclusione, chi non comprende e non comprenderà mai perchè non riesce ad entrare, c’è chi si vergogna di ringraziarci in pubblico e lo fa privatamente, c’è chi pubblicamente commenta in negativo la classifica e poi ci supplica in privato di entrare. Abbiamo visto di tutto. Ma tutti hanno qualcosa in comune: commentano per difendere il proprio orticello. In fondo, la comunicazione della moda assomiglia a quella della politica: anche nel salotto del nemico ci si può fare propaganda. Grazie ancora per la sua lettera.

    • Nunzia Cillo

      Concordo col Signor Fabio su tutto. Quello che è successo non fa che penalizzare ulteriormente la categoria intera e soprattutto chi mette impegno e passione in quello che fa. A mio avviso andrebbero moderati i commenti a monte, come peraltro credo già facciate: va bene la libertà d’espressione ed è assolutamente da apprezzare ma non quando la libertà di qualcuno va ad infangare o ledere quella di un altro/a. Dopotutto però, come scriveva il Signor Fabio, piuttosto che migliorarsi e chiedersi come mai gli altri raggiungano certi risultati si cerca sempre di affossarli. Invece osservare gli altri è il modo migliore per crescere, nel blogging così come nella vita, umanamente ed in ogni campo.
      “Go big or go home”, diceva qualcuno, e il modo migliore per diventare “grande” è migliorare se stessi. Sempre.
      A presto!
      N.

      • Cristina Lodi

        Nunzia, sposo in pieno il pensiero tuo e quello del signor Fabio. Tutto ciò che è accaduto non fa altro che penalizzare la categoria. Ho, per fortuna, visto un dissenso “popolare” ed a prescindere dal “vero” o “non vero” e dalle “prove” che qualcuna si è sentita in dovere di far girare sulle varie chat, per la prima volta ho visto coesione verso un’attacco diretto ed immotivato verso una collega.
        a presto e buona giornata a tutti.
        Cristina

  • Marinella Rauso

    Non so esattamente perché, ma decido di inserire il mio pensiero in questa discussione, dal momento che quello che si legge qui e su facebook, va ben oltre la tanto acclamata “libertà di espressione”.

    Prima di tutto credo debba esistere la coerenza. E qui si stanno raggiungendo picchi di incoerenza e confusione massimi.
    Come si fa ad arrabbiarsi così tanto per qualcosa che si ritiene: ‘una vergogna, una buffonata, non leale, non sincera’, ecc. ecc. … potrei continuare all’infinito.

    Se le stesse persone che reputano questa classifica come sopra avessero un posto, ne scriverebbero così male ugualmente? o adotterebbero la regola “non è vero, ma ci credo” eo “meglio esserci che non esserci”?!?

    Mi sento di dire che dal momento che qui siamo a casa di qualcun’altro, ne dobbiamo imparare a rispettare le regole o, con orgoglio e dignità, restarne fuori.

    Finchè si continuerà questa inutile lotta delle parti per un posto (in paradiso?!?), la professione di blogger ne uscirà sempre e comunque sconfitta, perdendo ad ogni occasione, un pizzico di credibilità.

    • Condividiamo in pieno il tuo pensiero. D’altra parte pensiamo a questo: quando leggiamo qualcosa su Internet da una fonte che non riteniamo credibile, cosa facciamo? Usciamo da quel sito e non lo visitiamo più. Qui invece le crociate al grido di “classifica farsa” e “classifica buffonata” si sprecano. Sono partiti gruppi di lottatori infaticabili. Sinceramente crediamo che ognuno debba esprimere il suo punto di vista, e d’altra parte abbiamo sempre permesso, anche sul nostro sito, ad ognuno di esprimere il suo punto di vista. Abbiamo tollerato, sempre sul nostro sito, che ci dessero pubblicamente dei buffoni. Fa parte del libero pensiero, delle dinamiche della Rete, e quando si decide di aprirsi ai commenti bisogna farlo fino in fondo e lasciare spazio anche a chi non piaciamo. Open è la parola magica della Rete. I piccoli club fanno parte di un mondo jurassico. Dare per scontato che i lettori siano acritici, passivi, inconsapevoli, sprovveduti e ignoranti, e che si possano facilmente far convincere da un gruppo di persone dal facile insulto e poche valide argomentazioni, oggi come oggi, denuncia una certa naïveté.

    • marco

      professione di blogger? ma non vedi che in Italia è tutto fermo anche sotto quel punto di vista? pensi che sia un caso che la Ferragni ormai ci snobba e lavora in America?
      Quali opportunità vuoi che ci siano da noi? nel mondo blogger girano sempre quei pochi nomi improbabili e anche questa classifica mostra chiaramente come la qualità non sia un fattore comune alla maggior parte dei blog italiani.

  • angelica alberti

    Buongiorno.
    Io sono sempre felicissima,
    vi ringrazio di cuore per avermi inserita anche nella classifica di marzo 2015.
    Un abbraccio
    Angelica Alberti
    http://www.angelichic.com

  • Dolores

    Non posso che essere felicissima di essere in classifica, grazie mille alla redazione di LesCahiers!!!
    Vi ammiro soprattutto per la pazienza. Ma com’è possibile che gli italiani debbano sempre fare polemica?
    Continuate così, tanto l’avete scritto anche voi: chi non vi ha capito fino ad ora, non vi capirà mai…
    Grazie di cuore e buona giornata!!!
    Dolores

  • lidia nicolis

    Semplicemente grazie, di cuore!
    Lidia Nicolis.

    http://www.lidiasbag.blogspot.it

  • Caterina

    Volevo farvi i miei complimenti per come avete gestito questa difficile situazione. Una gestione della community impeccabile.

  • Thespiral De

    Voglio ringraziarvi di cuore per aver inserito il mio spazio in classifica. E’ per me un onore farne parte in quanto la vostra sa essere una lista che oltre a tenere in considerazione i numeri punta sulla qualità; trovo sia il punto fondamentale del mondo del blogging e di chi si relaziona con esso. Puntare sulla qualità oltre che sui numeri.
    Buona giornata,
    Diana

    http://www.thespirald.com

  • Mina Masotina

    Gentile redazione, per la prima volta dopo due anni nei posti più alti della classifica, il mio blog non è presente. Lungi da me la voglia di creare polemiche (o di entrare in depressione perchè non ci sono :P), vorrei semplicemente chiedervi come mai il mio http://www.thestylefever.com stavolta non sia rientrato. Grazie mille in anticipo per la spiegazione, un saluto a tutti (redazione e colleghi blogger).

    • Paolo TheLookLover

      Una domanda che ci chiediamo in tanti Mina…notare che c’è un blog in classifica che non viene aggiornato dal 2015!

      • Caro Paolo, il blog a cui fai riferimento
        tu, al momento dell’inclusione in classifica, era attivo.
        Ricorda
        di leggere sempre le date di pubblicazione degli articoli. Oggi, 21
        ottobre 2016, hai lasciato un commento ad un articolo pubblicato
        esattamente il 19 marzo 2015.

  • Maura

    Mi pare che il mio commento dell’altra volta non sia stato pubblicato, comunque vorrei semplicemente dire alle varie blogger (io sono una LETTRICE, specie non ancora estinta!) che il vostro continuo spammare sulle pagine facebook famose è altamente IRRITANTE e che i commenti superficiali lasciati sui blog solo per farsi pubblicità mortificano i blog, soprattutto per chi come me è un lettore e avrebbe più piacere a intervenire, io non intervengo più perché non c’è più scambio, solo auto pubblicità del proprio blog, lo stesso vale per i social

  • Gentile redazione, vi ho scritto più volte mostrandovi il mio fashion blog http://www.monavism.com…mi garantite una sbirciatina? e magari mi accontenterei anche dell’ultimo posto 😀

  • Grazie, Redazione. Sono onorata e terribilmente felice di essere nella vostra classifica. Un sogno che si avvera. E perdonatemi se vi scrivo solo ora, ma ho sempre la testa tra le fregole. 🙂

  • Paolo TheLookLover

    Peccato che tanti ottimi ed ottime blogger siano escluse da questa classifica, che al suo interno vede la presenza tra gli altri di un blog che non è aggiornato dal 2015! Saluti

    • Caro Paolo, un lettore più attento si sarebbe accorto che la classifica a cui fai riferimento tu è di marzo 2015! Il blog a cui fai riferimento tu, dunque, al momento dell’inclusione in classifica, era attivo.
      Ricorda di leggere sempre le date di pubblicazione degli articoli. Oggi, 21 ottobre 2016, hai lasciato un commento ad un articolo pubblicato esattamente il 19 marzo 2015.

      • Paolo TheLookLover

        A volte capita di essere disattenti cara redazione,voi pensate di stilare una classifica senza alcun errore di valutazione? ! Vedo blog in classifica molto meno validi sotto tanti aspetti di tanti che conosco e che evidentemente non prendete mai nella giusta considerazione.

Shares